Mangiapillole per gatti: dare la medicina al proprio amico diffidente

Tutti sappiamo che, quando si tratta di gatti, conquistare la loro fiducia non è una passeggiata. Sono animali tendenzialmente diffidenti, soprattutto se sono feriti o infortunati. Basta un solo gesto non gradito per perdere la fiducia guadagnata in mesi e mesi di rapporti con il nostro gatto.

Chiaramente, non è sempre così: la natura del gatto è però in generale questa.

 

Quante volte, al ritorno dal veterinario, ci siamo chiesti come fare per somministrare delle pillole o fare delle medicazioni?

Immobilizzare il nostro gatto e forzarlo, oltre a logorare il rapporto di fiducia faticosamente costruito, è fonte di stress per noi e per lui. Inoltre, una volta data la prima dose, stiamo certi che il nostro gatto si terrà alla larga da noi il più possibile per evitare ulteriori somministrazioni.

Esiste però una soluzione piuttosto efficace, che non prevede l’utilizzo della siringa in bocca o il cospargere muso e zampe con il medicinale. Questi due metodi sono infatti piuttosto coatti, e con molta probabilità metteranno in guardia il gatto, che non si lascerà avvicinare una seconda volta.

 

Il mangiapillole

Il mangiapillole, come suggerisce il nome, permette di dare al nostro gatto i medicinali in pastiglie che tanto odia e che difficilmente mangerà di sua spontanea volontà.

Il mangiapillole permette quindi di inserire all’interno di una porzione, la pillola che desideriamo dare al nostro gatto, e che verrà quindi camuffata nel sapore e nell’odore. Il sapore del mangiapillole è infatti graditissimo al gatto, così come l’odore. Basterà modellare una porzione di prodotto con le mani e inserire all’interno la pillola, per poi offrirla al nostro gatto. Ogni somministrazione dovrà essere accompagnata con acqua fresca e il pasto che siamo abituati a dargli, che fungerà anche da rinforzo positivo.

 

Esistono delle alternative

Se non vogliamo utilizzare il metodo del mangiapillole, possiamo provare a sostituire il composto con del cibo fortemente odoroso e saporito, come il grasso del prosciutto, il macinato di carne, il tonno, la pelle del pollo arrosto o, ancora, la pappa morbida in scatola per micetti. La funzione sarà la medesima: l’odore e il sapore distrarranno il gatto e lo inviteranno ad assaggiare, ingerendo la pillola insieme al boccone.